liberiamo i bambini

dallo stigma, dalle colpe, dal silenzio
Scopri di più

Per i diritti dei bambini con genitori detenuti

Siamo impegnati nella tutela dei bambini figli di persone detenute. Da 19 anni diamo sostegno psicopedagogico ai genitori detenuti e ai figli, colpiti dall’esperienza di detenzione di uno o entrambi i genitori.

Promuoviamo

il mantenimento della relazione figlio-genitore durante la detenzione

Sensibilizziamo

la società civile perché si faccia carico dei diritti umani, sanciti dalle convenzioni internazionali, in favore dei minori separati dai propri genitori detenuti

Lottiamo

affinché il diritto alla genitorialità venga garantito, culturalmente assimilato e reso parte del sistema valoriale.

Carta dei diritti dei figli di genitori detenuti

La Carta dei diritti dei figli di genitori detenuti è stata firmata nel 2014 da Ministro della Giustizia, Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza e l’associazione Bambinisenzasbarre (è stata rinnovata il 20 novembre 2018)

Sistema Spazio Giallo

Il Sistema Spazio Giallo è un intervento che porta avanti un approccio globale di attenzione e cura delle relazioni familiari in detenzione con al centro l’interesse del bambino, un sistema relazionale integrato che prevede l’adozione di linee guida e di una formazione specifica e che si compone di due progetti: Telefono Giallo e Spazi Gialli.

Al centro del Sistema Spazio Giallo si trova il bambino e i suoi diritti, riconosciuti nella Carta dei diritti dei figli di genitori detenuti.

Spazio Giallo

Carcere alla prova dei bambini

Lo Spazio Giallo è un modello di accoglienza del bambino che entra in carcere per incontrare il genitore; di sostegno al nucleo familiare; un osservatorio di ricerca permanente e un programma di formazione per la polizia penitenziaria, che concilia accoglienza sensibile, controllo e sicurezza.

Nel carcere, è anche il luogo fisico dedicato ai bambini, il luogo in cui i bisogni di ogni bambino vengono accolti e dove si cercano strategie e risposte che aiutino ad affrontare l’incontro e il distacco dal genitore detenuto.

Telefono giallo

Comunicare oltre le sbarre

Telefono Giallo è la possibilità per i bambini con la mamma o il papà in carcere, i familiari e per il genitore detenuto di non sentirsi soli, nonostante l’emergenza sanitaria e l’impossibilità di continuare le visite in carcere.

Come dico a mio figlio che non può vedere il genitore detenuto per un tempo indefinito?

Come aiuto mio figlio a trascorrere questo lungo periodo di separazione dal genitore detenuto?

É da tanto che non vedo il mio papà, mi manca!

La linea telefonica e la app Telefono Giallo sono uno strumento di sostegno, dove, con l’aiuto di specialisti, i bambini e i loro familiari hanno la possibilità di ragionare insieme e trovare le risposte a domande a volte difficili.

Un sostegno che, a causa dell’emergenza sanitaria, è diventato ancora più importante.

Per chiamare il telefono giallo

La linea telefonica è attiva dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18 al numero
392 9581328
è inoltre sempre possibile scrivere messaggi WhatsApp e e-mail all’indirizzo telefonogiallo@bambinisenzasbarre.org.

bambini figli di genitori detenuti in Italia

bambini accolti dal Sistema Giallo

bambini in attesa del Sistema Giallo

in attesa, del nuovo Telefono Giallo

Sostieni i 100 mila bambini che in Italia hanno un genitore detenuto e dai loro la possibilità di mantenere il loro legame con papà

Spazio approfondimenti

Da rischio a promessa

Esistono bambini che sembrano avere un futuro già scritto, dove il passato – e gli errori di altri – diventano la misura con cui è valutato il loro futuro. Ma nessun bambino dovrebbe avere un futuro già scritto, neppure se il suo papà o la sua mamma sono detenuti. Guarda il video: Reversible thinking – Pensa al contrario

It’s time to act” di COPE (Children of Prisoners Europe)

è la versione per bambini della Raccomandazione del Consiglio d’Europa CM/Rec2018(5) sui diritti dei bambini con un genitore in carcere

News e approfondimenti

Rimaniamo in contatto